Paolo Ceccarini intervistato dagli autori di La Bottega dei Libri

Paolo Ceccarini è stato recentemente intervistato dagli autori La Bottega dei Libri.

Uno stralcio dell’intervista:

Leggere è una necessità nata dall’urgenza di trovare un modo per stare al mondo. Non ha niente a che vedere col desiderio di passare il tempo. Tolti gli studi scolastici e poi accademici, da giovanissimo leggevo molta poesia. Più avanti, tra i ventuno e i ventisette anni, mi sono dedicato principalmente a testi di filosofia orientale. Ora leggo soprattutto romanzi, ma non abbandono mai la saggistica. La penso un po’ come Jack London: uno scrittore vero deve maturare un sistema filosofico compiuto e uno stile di vita personale. La scrittura, similmente alla lettura, viene dal bisogno di ricercare, capire e rielaborare. Sinola, ad esempio, è stato uno strumento per affrontare alcune mie fragilità e corroborare una riflessione sulla nostra condizione di esseri umani.

Per continuare a leggere clicca qui